To die, to sleep

Ho bisogno di sfaldarmi, cadere in fiocchi nel sonno e dimenticare chi io sia per otto, nove ore.

So già che fallirò.
Il crimine più grande che la stanchezza può compiere verso di noi è quello di fiaccare la nostra testa. Il paradosso della mente stanca che diventa incapace di comandare per riposare sé stessa.
Dormi con i muscoli tesi e ti svegli spesso. Apri gli occhi e sei già un tutt’uno con la realtà. Temi la sveglia e la odi, ché se tace al mattino trilla nei sogni, e viceversa.

La logica dello stand-by, logorante e dispendiosa, si è impossessata anche del nostro sonno. Dormire, cos’è che è diventato?
Una lotta contro il tempo,
una scazzottata con il materasso,
una sfida persa contro la lucetta rossa;
ancora nero fuori nel bianco gelo, ora verde.
Non ti accanire su di me, ma staccami dolce la spina.

 

 

(3 marzo 2009)

Annunci

2 thoughts on “To die, to sleep

Non è detto che ti risponda

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...