Fuorviante

 
mi fa venire il mente il suono di certi pensieri così così.
no: questo non è affatto un pezzo così così.
anzi, è un grandissimo valzer.

subito appare epico, grandioso, a tratti persino trionfale.
ma al tempo stesso sembra avere qualcosa di profondamente
malinconico, di oscuro, quasi che
debba preannunciare un evento tragico.
 
così così. come quelle feste in cui ti senti fuori luogo. un passante, da fuori, guarda distrattamente dentro: luci a giorno che schiantano tremolanti ombre sui vetri e sul soffitto bianco. irradiamenti di un evento mondano: come gli schiamazzi e la musica, attutiti e poco riconoscibili dall
esterno. e intanto, ecco che a te sembra di percepirla, la presenza elettrica e invisibile del passante nella strada: guardi istintivamente verso la finestra, e vedi il vago orizzonte scuro oltre il riflesso delle luci della sala. capisci in un attimo che desideri solo di attraversare il vetro e disperderti in quell’oscurità. vorresti scappare via, lontano dal resto, anche più di quanto tu già non lo sia.

(25 ottobre 2008)
 

Annunci

28 thoughts on “Fuorviante

  1. caspita, è davvero Perfetta!

    "Colpa mia, colpa mia che ti seguo sempre"; "voglio averti per me, soltanto per me…". parole che vanno bene qualunque sia la persona che abbiamo seguito in quella "atmosfera ottocento stile imperatore"; anche nel caso si tratti semplicemente di noi stessi. ;-)



  2.  
    There will be shoulders pressing in the hall
    and I won’t know if you’re here at all
    there will be wine and drinking in the yard
    there won’t be anybody very hard
     
     

    When I’m with you, to be with you,
    to be alone, can only think:
    “Why I am here? What’s meant to be?”

  3. Da piccola, ascoltando questo pezzo che mio nonno metteva sul giradischi, piangevo come una fontana.
    Mi ha sempre fatto venire in mente una sala da ballo piena di fantasmi. Per un attimo la realtà si squarcia, emergono le luci, le ampie gonne fruscianti delle dame, il profumo dei fiori, i signori dai completi di velluto, le coppie che si muovono in perfetta sincronia… poi, un sospiro, un sussulto, e tutto scompare. Lo squarcio si chiude e resta solo il buio che occhieggia su uno strato vellutato di polvere vecchia di decenni, che ha appannato gli specchi, annerito i quadri e cancellato i disegni dei marmi sul pavimento.
    È un valzer che ricorda un sogno andato in frantumi.
    Ti rubo il video e lo linko sul mio profilo facebook.

  4. Anche la sensazione che io avevo provato a raccontare parlava di una sala da ballo piena di fantasmi. Viventi, ma pur sempre fantasmi.

    Ma la tua visione – tetra e maestosa, sospesa oltre la dimensione del tempo – supera di gran lunga la descrizione del mio trascurabile senso di smarrimento. E se posso dirlo, rende maggiormente giustizia a questo capolavoro di Šostakovič.
    Chissà come hanno eventualmente commentato, coloro quel che giorno sono passati dal tuo profilo di facebook.

  5. Non hanno commentato XD ma ho accumulato una valanga di "mi piace". Purtroppo tra le mie conoscenze tangibili posso annoverare una valanga di cerebrolesi che restano senza più parole appena pronuncio termini complicati come "coercitivo", quindi un pezzo così li ha praticamente fatti svenire davanti al pc XD XD
    Però son carini anche così: tontoloni. Dopotutto, se voglio qualcuno capace di esprimersi a parole, mi basta navigare un po' tra voi, miei blogger preferiti, e deliziarmi dei vostri pensieri, che sono come vini di grandi annate (vini rossi, specifichiamo, non si dica mai che Lil beve vino bianco) e scaldano il cuore che è una meraviglia.

  6. Pingback: Fuor via | SYDness REMastered

  7. Che dialogo demenziale. Indicativo del Q.I. di chi scrive certi commenti. Quanto al brano, non l’ho mai sopportato. Un irritante zum-pa-pa che mi ricorda le colonne sonore circensi di Fellini. Potrebbe ballarlo solo una come Gradisca e compagnia bella, al culmine di una scena volgarotta da fiera paesana.

    • Lo “zum-pa-pa” (1-2-3, 1-2-3…) a cui lei allude è il tempo ternario tipico dei valzer. Forse farebbe prima a dire che la irritano i valzer tutti. I quali però non si ballano granché alle fiere paesane e men che meno da soli. Credo inoltre che Shostakovich sia in parte sottovalutato; a differenza dei test per calcolare il quoziente intellettivo, che invece sono presi fin troppo sul serio.

  8. Credo di aver scritto uno dei commenti che mi somiglia di più in assoluto.

    P.S. Signor Syd, la mia e la sua immaginazione fanno a botte.

    • P.S. Capita non di rado che la mia immaginazione non coincida con quella altrui. Però fa a botte solo con il suo creatore. A volte riesco persino a batterla, anche se lei resta nettamente la più forte.

      • È rarissimo che due immaginazioni si incontrino. Il resto ha a che fare con la capacità di adattamento che, a me, scarseggia. Le hanno mai detto che quello che scrive non somiglia alle immagini che mette a rappresentarla? A cominciare dal viso barbuto che vedo e, ancora prima, dal signor Coen. Se ci fa a botte, forse, non è un caso. Sono due usurpatori!

        • Allora, me lo dica lei: che viso dovrebbe avere, questo syd? A chi dovrebbero somigliare, queste parole? Perché i miei pensieri possono essere barbosi ma non barbuti? Perché non possono avere il volto di Leonard Cohen? E perché io non dovrei somigliare a me stesso?

          • Bella domanda. Le dico subito che la sua scrittura non è barbosa, quindi non può essere barbuto. Contento? Nessuno le ha chiesto di non somigliare a se stesso, beninteso. È già tanto riuscire a non somigliare a qualcun altro, per quel che mi riguarda. Odio le ripetizioni.

Non è detto che ti risponda

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...